30 anni di biologico in Europa

Alt="euro foglia"

Il 22 luglio del 1991, in quella che allora si chiamava Gazzetta ufficiale delle Comunità europee, è stato pubblicato il regolamento (CEE) n.2092/1991 “relativo al metodo di produzione biologico di prodotti agricoli e alla indicazione di tale metodo sui prodotti agricoli e sulle derrate alimentari” che rendeva uniforme il sistema di controllo e gli standard tecnici sin lì adottati nei diversi Paesi europei.

Oggi nella UE siamo intorno ai 10 milioni di ettari su cui non viene usato un grammo di pesticidi chimici, in Italia è biologico il 15.2% della superficie agricola totale, in Germania il 9.7%, in Francia il 7.7%. Negli ultimi 10 anni, gli agricoltori europei hanno convertito al metodo biologico una media di 500.000 ettari l’anno.

Trent’anni dopo il primo regolamento, quello biologico non è più un mercato di nicchia, cittadini e istituzioni riconoscono sempre più il suo ruolo chiave nel plasmare un sistema alimentare sostenibile e un futuro resiliente.